fecondazione assistita é andata male

La fecondazione assistita é andata male.

La fecondazione assistita é andata male? Prima di tutto bisogna sedersi e riflettere su cosa é successo e cosa può migliorare il risultato della fecondazione assistita. Le variabili in gioco nella PMA sono molte. Spesso sono le stesse variabili della poli-abortività. Perciò bisogna ripercorrere all’indietro il percorso compiuto.

Se la fecondazione assistita é andata male migliorare la fase diagnostica preliminare

Nella fase antecedente alla fecondazione assistita si eseguono tutti quegli esami che indagano fattori che possano interferire negativamente sulla fecondazione.

  • La riserva ovarica. Un dosaggio di AMH (ormone antimulleriano é obbligatorio)
  • Cariotipo
  • Funzione tiroidea
  • Alterazioni della coagulazione
  • Cause immunologiche

Protocollo di stimolazione follicolare

La stimolazione follicolare multipla é un processo altamente personalizzabile. In primo luogo i farmaci a disposizione del medico sono molti. Infatti va scelto con attenzione il protocollo di stimolazione follicolare e il numero di unità internazionali di FSH (ormone follicolo stimolante) da somministrare. Questo é lo strumento più importante per evitare che la fecondazione assistita possa andare male di nuovo.

  • Una accurata misurazione della riserva ovarica fa elaborare il protocollo di stimolazione follicolare giusto
  • Il numero di Unità Internazionali di FSH da utilizzare farà si che la produzione di follicoli sarà adeguata, né pochi da compromettere il recupero , ne troppi da rischiare la sindrome da iperstimolazione ovarica
  • Monitorizzare con attenzione la crescita dei follicoli con ecografia e dosaggi ormonali

Procedura di fecondazione assistita

  • La procedura di fecondazione assistita deve essere eseguita da personale adeguato in laboratorio adeguato rispettando i tempi e le procedure
  • Si deve scegliere con cognizione di causa se eseguire il trasferimento embrionario il 2° o il 3° o il 5° giorno
  • Si deve eseguire la diagnosi preimpianto nei casi in cui questa sia richiesta

Trasferimento e supplementazione luteale

Normalmente il trasferimento embrionario non pone grossi problemi nelle tecniche di fecondazione FIVET e ICSI. Quando effettuato da medico e biologo esperti che da anni si occupano di fecondazione assistita. Il trasferimento embrionale non può essere il responsabile del fatto che la fecondazione assistita é andata male. E così la supplementazione luteale ( somministrazione di progesterone) dopo il trasferimento

Età della donna e risultati

Purtroppo l’età della donna influenza molto le percentuali di successo anche quando si trasferiscono embrioni di buona qualità. La qualità dell’embrione é condizionata dalla qualità dell’ovocita e con l’aumentare dell’età della paziente aumentano le aneuploidie degli ovociti e questo giustifica che la fecondazione assistita possa andare male. Questa però é una ragione in più per perfezionare al massimo le variabili prima menzionate se la fecondazione assistita é andata male.

Per una consulenza online con il dott Franco Lisi responsabile del Centro di Fecondazione Assistita di Villa Salaria Hospital di Roma riempi il Form di consulenza online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “La fecondazione assistita é andata male.”

× Invia un messaggio al Prof Franco Lisi