fecondazione in vitro

2 articoli

ICSI A ROMA

ICSI iniezione intracitoplasmatica spermatozoo

icsiLa ICSI o iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo nasce nel 1992 per i casi che non riuscivano a trovare la soluzione nella FIVET, ed in particolare nelle patologie del liquido seminale . Gli spermatozoi a volte non riescono a fertlizzare l’ovocita anche se vengono posti nella immediata prossimità dell’ovocita nella IVF convenzionale. I primi studi che si interessarono dei fallimenti di fertilizzazione appuntarono l’attenzione sulla difficoltà dello spermatozoo di superare la zona pellucida. Si portarono a termine studi che assottigliavano e addirittura aprivano la zona pellucida per permettere la migrazione dello spermatozoo attraverso di essa o attraverso l’esposizione a enzimi o con tecniche di fotoablazione.

Oppure inserendo lo spermatozoo con un micromanipolatore sotto la zona pellucida , la SU.Z.I. una tecnica ormai dimenticata ma che é stata la progenitrice della ICSI o Iniezione Intra Citoplasmatica dello Spermatozoo. La prima pubblicazione sulla SU.Z.I. é del 1990 e a buon diritto può essere considerata come la prima nascita da tecnica di riproduzione assistita con micromanipolazione dei gameti,  al mondo.

diagnosi sterilità di coppia

Diagnosi sterilità di coppia vedi come

Nella diagnosi sterilità di coppia é importante comprendere se la coppia sarà in grado di riprodursi con un rapporto sessuale mirato o avrà bisogno di una tecnica di riproduzione assistita. Poi decideremo se la tecnica deve essere  di primo livello ( IUI ) o di secondo livello ( FIVET ICSI ). […]