Tag: pochi spermatozoi

Sterilità maschile
Diagnosi sterilità di coppia

Sterilità maschile

Vuoi sapere la percentuale di sterilità maschile nei centri di riproduzione assistita dei paesi occidentali e industrializzati? Bene, è una causa frequente di infertilità: ti dirò che  rappresenta il 30/40% dei casi di infertilità. Nei paesi occidentali la prevalenza della problematica maschile é molto alta pertanto la valutazione del maschio ( esame del liquido […]

Condivi l'articolo su:
Patologie del liquido seminale : genetica
Diagnosi sterilità di coppia

Patologie del liquido seminale : genetica

Le patologie del liquido seminale sono spesso su base genetica. Il  5% degli uomini con oligospermia, e circa il 10-15% di quelli con azoospermia è portatore di un’anomalia genetica cromosomica, quasi sempre dei cromosomi sessuali. Le cellule contengono 46 cromosomi, divisi in 23 coppie, 22 cromosomi definiti autosomi e una coppia […]

Condivi l'articolo su:
Esame del liquido seminale
Diagnosi sterilità di coppia

Esame del liquido seminale

L’esame del liquido seminale investiga la capacità riproduttiva del maschio. E’ uno dei primissimi esami da eseguire quando la gravidanza non arriva. Ti consiglio di eseguire l’ esame del liquido seminale in un laboratorio che adotta i criteri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Esame del liquido seminale attenzioni L’esecuzione dell’esame del […]

Condivi l'articolo su:
ICSI iniezione intracitoplasmatica spermatozoo
Fertilizzazione in vitro

ICSI iniezione intracitoplasmatica spermatozoo

icsiLa ICSI o iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo nasce nel 1992 per i casi che non riuscivano a trovare la soluzione nella FIVET, ed in particolare nelle patologie del liquido seminale . Gli spermatozoi a volte non riescono a fertlizzare l’ovocita anche se vengono posti nella immediata prossimità dell’ovocita nella IVF convenzionale. I primi studi che si interessarono dei fallimenti di fertilizzazione appuntarono l’attenzione sulla difficoltà dello spermatozoo di superare la zona pellucida. Si portarono a termine studi che assottigliavano e addirittura aprivano la zona pellucida per permettere la migrazione dello spermatozoo attraverso di essa o attraverso l’esposizione a enzimi o con tecniche di fotoablazione.

Oppure inserendo lo spermatozoo con un micromanipolatore sotto la zona pellucida , la SU.Z.I. una tecnica ormai dimenticata ma che é stata la progenitrice della ICSI o Iniezione Intra Citoplasmatica dello Spermatozoo. La prima pubblicazione sulla SU.Z.I. é del 1990 e a buon diritto può essere considerata come la prima nascita da tecnica di riproduzione assistita con micromanipolazione dei gameti,  al mondo.

Condivi l'articolo su: