Stimolazione Ormonale ovarica

Stimolazione con Clomid

CLOMID. Hai sentito sicuramente parlare della stimolazione con Clomid ( clomifene citrato) ?  E’ uno dei farmaci più diffusi nella stimolazione ormonale ovarica. Il Clomifene Citrato ( Clomid ) è un farmaco che da molti anni ( nasce negli anni 50 ) è usato nell’induzione della ovulazione nelle pazienti desiderose di ovulazione e gravidanza. Ora ti spiegherò come funziona la stimolazione con Clomid ( Clomifene Citrato).

Stimolazione con Clomid : meccanismo d’azione

 Il Clomid ( clomifene citrato ) occupa i recettori preposti alla rilevazione delle concentrazioni di estrogeni. Impedisce all’organismo di valutare correttamente i livelli di estrogeno. Fa percepire ai meccanismi di controllo una quantità di estrogeno inferiore a quella effettivamente circolante. In questo modo si ottiene un aumento della secrezione di gonadotropine (FSH, LH ) con conseguente stimolazione dell’ovulazione. Il Clomifene Citrato è indicato nel trattamento degli stati di mancanza di ovulazione nelle pazienti che desiderano una gravidanza. Si può utilizzare quando sia stata accertata una sufficiente funzionalità ovarica. In altre parole il farmaco nasce per stimolare l’ovulazione nelle donne in cui non si registri l’ovulazione durante il ciclo mestruale. Determina quindi la maturazione ed il rilascio dell’ovulo disponibile ad essere fecondato. Una buona produzione di estrogeni aumenta le possibilità di esito favorevole. Un tipico caso di uso di Clomifene Citrato ( Clomid ) è la presenza di ovaio micropolicistico.

Stimolazione con Clomid : posologia

Il Clomifene Citrato ( Clomid )  è stato usato in dosi anche molto diverse tra loro. Oggi, di norma, la posologia consigliata è di 1 o 2 compresse al giorno ( 50 o 100 mg) per 5 giorni di seguito. Di norma a partire dal terzo o dal quinto giorno del ciclo a seconda del protocollo scelto. Si ricorda che si considera il primo giorno del ciclo il giorno della comparsa del ciclo mestruale.

Stimolazione con Clomid : nella riproduzione assistita

La stimolazione con Clomid ( clomifene citrato) deve essere attentamente seguita ecograficamente. I controlli devono essere almeno ogni 48 ore a partire dal 6° o 7° giorno del ciclo. Quando i follicoli ottenuti ( possibilmente mai più di 3 ) arrivano ad un diametro di 18 mm circa , l’ovulazione deve essere indotta con l’ HCG o rHCG ( gonadotropina corionica umana o ricombinante ).  Circa 36 ore dopo deve essere eseguita l’inseminazione intrauterina o i rapporti sessuali mirati. E’ un farmaco che non si usa nella stimolazione ormonale per ICSI o Fivet, tranne che in casi particolari.

 

Vuoi una consulenza personalizzata sull’utilizzo del Clomid o clomifene citrato ? Riempi il form  di consulenza gratuita online.

Condivi l'articolo su:

9 Commenti

  1. Salve ho fatto due stimolazioni per ICSI ma non ho risposto alla stimolazione. Il mio ginecologo adesso mi propone di tentare con il Clomid. Secondo voi il Clomid funziona in questi casi ?

    • Franco Lisi

      Salve
      paradossalmente a volte nelle pazienti poor responder é migliore la risposta con clomifene citrato ( Clomid)

  2. Stellamarina

    salve
    ho letto l’articolo e il precedente messaggio e mi chiedo : se il clomid funziona perché non viene adoperato di più nelle stimolazioni per fecondazione assistita?

    • Franco Lisi

      Salve
      il clomid in passato é stato molto utilizzato nei protocolli di stimlazione per IVF/ICSI. Anche adesso viene adoperato soprattutto nella paziente poor responder

  3. Mi interessa sapere se il Clomid funziona nei protocolli di stimolazione. L’idea di fare qualche puntura in meno ( a parità di effetto) non mi dispiacerebbe.

  4. Il clomid funziona solo nelle stimolazioni per inseminazione o il clomid funziona anche nelle stimolazioni per ICSI?

  5. Buonasera dottore,io e il mio compagno stiamo provando da un anno ad avere un bambino ma senza risultato, premetto che lui ha fatto già spermiogramma e spermiocoltura e é tutto ok, io invece ho ovaie multifollicolari e ciclo ogni 40 45 giorni .La mia ginecologa ha detto che al prossimo ciclo devo iniziare clomid dal terzo al settimo giorno (50gr) e vedere come va.Abbiamo qualche possibilità in più con questa cura di avere un bimbo?É un farmaco che non conosco e la mia gine non si é sbilanciata più di tanto.Lei cosa ne pensa?grazie per il suo tempo

    • Franco Lisi

      Salve Vero912
      mi sembra di capire che lei é affetta da sindrome dell’ovaio policistico. La sindrome ovaio policistico o PCO interferisce con i meccanismi dell’ovulazione, quindi questo significa che lei non ovula sempre. Il clomid più una dieta senza carboidrati dovrebbero aiutarla a risolvere il problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.